SETTORE ESPOSITIVO

II Settore Espositivo del Castagno riveste grande importanza giacché consente di raccogliere, in un determinato luogo, una grande mole di materiale di varia natura e provenienza, organizzato con metodo appropriato, per tipologia e tematiche, al fine di favorire da parte del visitatore la massima comprensione e assimilazione di quanto in esso è contenuto.
Veduta dell’ampio corridoio che ospita gran parte del Settore Espositivo del Castagno con le otto Mostre in cui è articolato: Pomologica, Poster tematici, Prodotti trasformati (derivati), Patriarchi Vegetali (Castagni monumentali), Pubblicazioni (“vecchie” e”nuove”), Artistico-fotografica, Sculture lignee, Oggettistica museale

A) ALLESTIMENTO DELLA SALA ESPOSIZIONE E PROIEZIONE
Una delle tre sale, di cui è dotato il CSDC, è stata destinata a Esposizione Permanente (sulle pareti e lungo il perimetro). L'area centrale è libera per accogliere riunioni con capacità di 50-60 posti a sedere. Una delle pareti è stata attrezzata per la videoproiezione, con schermo elettro­nico regolabile in altezza. Oltre all'ampio schermo, è stato acquistato un videoproiettore di buona tecnologia, multiuso, e un computer portatile adeguato alle caratteristiche richieste. Questa attrezzatura verrà utilizzata sia in sede per le comuni proiezioni (convegni, riunioni, esposizioni, ecc), sia fuori sede in manifestazioni pro­grammate dal CSDC, per le quali sono previste anche specifiche proiezioni.

B) REALIZZAZIONE DELL'ESPOSIZIONE PERMANENTE SUL CASTAGNO IN SEDE
L'Esposizione, realizzata presso il CSDC in Marradi sul Castagno, è articolata su ben 8 Mostre (Pomologica, Poster tematici, Prodotti trasformati, Patriarchi vegetali, Pubblicazioni "vecchie" e "nuove”, Artistico-fotografica, Sculture lignee, Oggettistica museale). La sua predisposizione negli ampi spazi disponibili segue un percorso tecnico-didattico che ne facilita l'apprendimento da parte di ogni tipo di visitatore.

  • Mostra Pomologica
    Figurano esposti numerosi campioni di frutti delle principali varietà di "castagne" e "marroni" diffuse in Italia. Particolare spazio è stato riservato agli ecotipi di marroni e castagne Toscani e Fiorentini, enfatizzando quelli che afferiscono al "Marrone del Mugello IGP" e di questi i tanti cloni di Marradi e dintorni. Particolari delle Mostre: Pomologica con campioni di frutti di varietà (ecotipi) di “castagne” e “marroni”, Patriarchi vegetali, Bevande di vario tipo, Caratterizzazione del Castagno e Prodotti trasformati (derivati) di provenienza estera Nella parete sono visibili alcune immagini della Mostra sui Patriarchi vegetali di Castagno e sul ripiano una vasta rappresentanza della Mostra dei Prodotti trasformati (derivati)
  • Mostra Poster tematici
    Alle pareti del vano scale, del lungo e ampio corridoio, e della Sala Esposizione, sono stati appesi ben 80 Poster, dalle dimen­sioni di cm 80 x 100, contenenti oltre 1.300 (milletrecento) immagini a colori; ciascuna di grande formato, con chiara ed esaustiva didascalia. La vasta serie dei Poster illustra compiutamente le numerose tematiche di tecnica colturale, di conserva­zione del frutto, dei castagni monumentali, del paesaggio castanicolo, della gastronomia e pasticceria, delle bevande di diversa natura a base di castagne e marroni, di pomologia e caratterizzazione della pianta e del frutto, della civiltà e cultura del Castagno, dell'arte e letteratura. Alcuni Poster sono dedicati a realtà castanicole di grandi aree sia italiane che europee.
  • Mostra Prodotti trasformati
    Su 20 tavoli, lunghi ciascuno cm 220, sono esposti oltre 1.000 (mille) campioni di prodotti derivati, provenienti sia dal nostro Paese che da molti Paesi Europei e degli altri Continenti, tra cui: Cina, Corea, Giappone, Australia e soprattutto: Spagna, Francia, Svizzera, Turchia, Romania, Grecia, Germania, Portogallo e altri ancora. Ogni tipologia di prodotti è rappresentata: dai frutti essiccati alle farine, dai frutti sciroppati a quelli glassati, dalle creme alle confetture varie, dai biscotti da forno alle miniconfezioni tascabili, ecc. Tra le bevande fanno spicco le tante birre di marroni e castagne prodotte in Italia, ma anche in Francia, Svizzera e Spagna. Molti i liquori limpidi e cremosi a limitato tasso alcolico, ma anche grappe e whisky di note distillerie. Non mancano prodotti di IV gamma, fiocchi e granelle di castagne, gomme da masticare, cosmetici e prodotti omeopatici.
  • Mostra Patriarchi vegetali
    Lungo il vano scale, nell’ampio corridoio e in due pareti della Sala Esposizioni, intercalate ai Poster tematici, figurano oltre 50 iconografie di Patriarchi vegetali, concesse dall’Accademia dei Georgofili di Firenze. La quasi totalità di queste immagini riproduce Patriarchi di Castagni ancora esistenti nel nostro territorio nazionale, certamente non esaustive, ma rappresentative della molteplicità dei Castagni Monumentali che attendono di essere censiti e resi accessibili.
  • Mostra Pubblicazioni
    Il libro desta sempre grande interesse e attenzione. La biblioteca Bellini raccoglie nel proprio insieme oltre 400 titoli dedicati specificatamente al Castagno. In attesa di disporre di bacheche protette, in questa Esposizione sono esibiti solo volumi di recente stampa, non a rischio di estinzione. La grande mole dei volumi di maggiore valore storico e culturale sono per ora conservati dentro scatole in luogo chiuso, in attesa di essere esposti in apposite vetrine protette.
  • Mostra Artistico-fotografica
    I vecchi tronchi di Castagno, le piante monumentali, i patriarchi, gli scorci del paesaggio castanicolo, le innumerevoli immagini che l'occhio attento del fotografo vede, sono espresse ed impresse nelle riproduzioni artistiche, ben incorniciate, esposte negli spazi a loro dedicati, dal vano scale alla Sala Esposizione. L'Artista, Claudio Betti di Imola, con estrema abilità e fantasia riesce a catturare sorprendenti immagini che il Castagno conserva da secoli nei boschi. I tanti quadri esposti, attraggono l'interesse di piccoli e grandi visitatori, non necessariamente conoscitori del Castagno. Particolari delle Mostre: Artistico-fotografica di Claudio Betti, le cui immagini rappresentano figure fantasiose imprigionate dai tessuti legnosi del Castagno; Prodotti derivati di birre a base di castagne e marroni, liquori limpidi e cremosi Particolari delle Mostre: Poster tematici e Prodotti derivati in confezioni di vetro
  • Mostra Sculture lignee
    Resti di legno di Castagno vecchio e sferoblasti (organi riproduttivi agamici) di Castagno, sono la materia prima su cui si basa la prestigiosa opera dell'Artista Mugellano Luca Mommarelli di Borgo S. Lorenzo. Egli riesce a modellare e rendere vitali pezzidi legno morto, a dare loro forma ed espressioni uniche (vedere per credere...).
  • Mostra Oggettistica museale
    Piccoli attrezzi e utensili da cucina, un tempo impie­gati nelle case coloniche delle nostre montagne e nella vita agreste quotidiana, sono esposti negli spazi resi disponibili. Questi e altri attrezzi, anche grandi, attendono di essere conservati in luogo appropriato, purtroppo non disponibile. Vogliamo sperare che anche questa importante parte della "Civiltà del Castagno" possa trovare collocazione adeguata per la sua salvaguardia, a testimonianza di un passato non così lontano da noi, ma di grande cultura di vita della nostra montagna.

C) PREDISPOSIZIONE DI ESPOSIZIONE ITINERANTE SUL CASTAGNO
II Centro di Studio e Documentazione sul Castagno (CSDC) per rispondere alle numerose richieste di realizzazione di Esposizioni sul Castagno, sia in Italia che all'estero, ha ritenuto opportuno procedere alla duplicazione di gran parte del materiale espositivo, per evitare di dovere continuamente smontare e rimontare l'Esposizione Permanente di Marradi, con rischio di perdere campioni, e anche per contenere le spese. I Poster tematici sono stati tradotti in Inglese e in Francese. Pertanto si è provveduto a: richiedere alle ditte produttrici e fornitrici campioni di prodotti derivati; ristampare tutta la serie dei Poster tematici nelle tre lingue (Italiano, Francese, Inglese); individuare e acquisire appositi contenitori per il trasporto di tutto il materiale espositivo. Particolari delle Mostre: Sculture lignee di Luca Mommarelli, Prodotti derivati (Marron Glaces, sopra), Prose sul Castagno di Ivo Morini e Prodotti da forno, sotto

D) ESPOSIZIONI ITINERANTI REALIZZATE
Fino ad oggi l’Esposizione Itinerante sul Castagno si è spostata ben 41 volte dal Sud al Nord Italia, raggiungendo le province di: Catania, Catanzaro, Cosenza, Potenza, Matera, Avellino, Aquila, Roma, Viterbo, Grosseto, Siena, Arezzo, Lucca, Massa Carrara, Firenze, Bologna, Modena, Como, Verona, Cuneo, Trento. La raccolta dei Poster tematici è stata inoltre ospitata in diverse manifestazioni internazionali tra cui: “III International Chestnut Congress” in Portogallo (2004); “International Workshop on Chestnut Management in Mediterranean Countries” in Turchia (2007); “IV International Chestnut Congress” in Cina (2008). L’intero Settore Espositivo Itinerante è stato ospitato nelle seguenti manifestazioni internazionali: Agropolis-Museum di Montpellier (Francia) per 5 mesi (Ottobre 2008 - Febbraio 2009); “Castanea 2009” della International Society for Horticultural Science (Cuneo, Ottobre 2009); Expace Banca Monte Paschi di Bruxelles (Dicembre 2009); Regione Toscana, Sede di Bruxelles (Settembre 2010), in occasione del “Workshop Internazionale sulla Multifunzionalità del Castagno” per sensibilizzare le Direzioni Generali (DG) della Commissione Europea a “pensare” e destinare finanziamenti in favore del Castagno. Esposizione Itinerante di Montpellier (2008-2009) Particolare della Mostra Prodotti trasformati (Agropolis – Museum) Esposizione Itinerante di Bruxelles (Settembre 2010) Immagini del Settore Espositivo sul Castagno con Poster tematici e Prodotti derivati di origine italiana.